Tumore al polmone: valutazione geriatrica multidimensionale
OncoDermatologia
Tumore prostata

Cabozantinib nel trattamento dei carcinoidi avanzati e dei tumori neuroendocrini pancreatici


Il trattamento con Cabozantinib ( Cometriq; Cabometyx ) ha mostrato risposte obiettive promettenti e sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con carcinoidi avanzati e con tumori neuroendocrini pancreatici ( pNET ).

Risposte parziali sono state osservate nel 15% dei pazienti di ciascuna coorte trattata con Cabozantinib; la stabilizzazione della malattia è stata la migliore risposta in circa i due terzi dei pazienti.

La sopravvivenza mediana senza progressione è risultata superiore ai 20 mesi nella coorte di pazienti con tumori neuroendocrini pancreatici e superiore ai 30 mesi nella coorte dei pazienti con tumori carcinoidi.

I dati preclinici hanno indicato che MET potrebbe essere un bersaglio terapeutico nei tumori neuroendocrini.
Cabozantinib è un inibitore di VEGFR2 e di c-MET nei tumori neuroendocrini.

Sono stati arruolati 61 pazienti con tumori in progressione, ben differenziati, di grado 1/2 , di cui 41 con tumori carcinoidi e 20 con tumori neuroendocrini pancreatici.
I pazienti presentavano una progressione radiografica della malattia nei 12 mesi precedenti l’arruolamento.
Un analogo della Somatostatina era permesso se il dosaggio era stabile per 2 mesi.
Non c'era alcun limite riguardo a precedenti terapie, compresa la terapia anti-VEGF.

Il numero mediano di precedenti terapie era di tre nella coorte tumori neuroendocrini pancreatici, e una nella coorte con tumori carcinoidi.
Precedenti terapie nel gruppo con tumori neuroendocrini pancreatici erano a base di: Sunitinib ( 60% ), Everolimus ( 65% ) e Temozolomide ( 55% ); nella coorte tumori carcinoidi erano: Everolimus ( 29% ), Bevacizumab ( 15% ), Interferone ( 10% ) e Temozolomide ( 7% ).

I pazienti sono stati trattati con Cabozantinib 60 mg/die per os in cicli di 28 giorni. Il trattamento è continuato fino a progressione della malattia, comparsa di tossicità inaccettabile o ritiro del consenso.
La ristadiazione è stata effettuata dopo ogni 2 cicli per i primi sei cicli e, successivamente, ogni tre cicli.

L'80% dei pazienti ha completato almeno un ciclo di trattamento. Tra coloro che hanno completato almeno un ciclo, l’81% ha richiesto una riduzione della dose: la più bassa dose di Cabozantinib è stata di 60 mg in 10 pazienti, 40 mg in 24 pazienti e 20 mg in 19 pazienti.
Il numero mediano di cicli completati è risultato pari a 9.
L'82% dei pazienti ha raggiunto il primo momento di valutazione, effettuata dopo il completamento di almeno due cicli di trattamento.

Il numero mediano di cicli di trattamento completati era di 10 nei pazienti con tumori neuroendocrini pancreatici e 8 nei pazienti con tumori carcinoidi.

La durata mediana del follow-up è stata di 23.3 mesi.

Il 25% dei pazienti ( n=5 ) nella coorte tumori neuroendocrini pancreatici e il 22% ( n=9 ) in quello con tumori carcinoidi era ancora in trattamento al momento dell’analisi dei dati.

Il motivo principale per cui i pazienti hanno abbandonato lo studio era la progressione della malattia o il decesso, avvenuti nel 50% dei pazienti con tumori neuroendocrini pancreatici e nel 34% dei pazienti con tumori carcinoidi.
Il 21% circa dei pazienti non ha più assunto il trattamento a causa di eventi avversi.

L'endpoint primario era rappresentato dal tasso di risposta obiettiva, misurata mediante i criteri RECIST 1.1.

Il trattamento con Cabozantinib era associato a risposte tumorali obiettive in entrambi i sottogruppi di pazienti.

Tra i pazienti con tumori neuroendocrini pancreatici, la migliore risposta RECIST era una risposta parziale ( PR ), ottenuta nel 15% dei pazienti, mentre nel 75% si è osservata una stabilizzazione della malattia e nel 10% la risposta non è stata valutata perché il trattamento è stato interrotto prima della ristadiazione.
La sopravvivenza mediana libera da progressione era di 21.8 mesi.

Nel gruppo tumori carcinoidi, la migliore risposta è stata la risposta parziale nel 15% dei pazienti e il 63% ha ottenuto una stabilizzazione della malattia, mentre il 5% dei pazienti è andato incontro a progressione del tumore.
La risposta non era nota nel 17% dei pazienti, a causa dell’interruzione del trattamento prima della ristadiazione.
In questo sottogruppo, la sopravvivenza mediana libera da progressione era di 31.4 mesi.

Gli eventi avversi erano in linea con quelli segnalati in altri tumori trattati con Cabozantinib.
La tossicità di grado 3/4 comprendeva: ipertensione ( 13% ), ipofosfatemia ( 11% ), diarrea ( 10% ), linfopenia ( 7% ), trombocitopenia ( 5% ), fatica ( 5% ), e aumentati livelli di lipasi o di amilasi ( 8% ). ( Xagena2017 )

Fonte: Gastrointestinal Cancers Symposium, 2017

Onco2017 MalRar2017 Med2017 Gastro2017 Farma2017


Indietro