Natera Banner
Bayer Banner
Gilead Banner
Tumore prostata

Associazione della combinazione di inibitori di KIT specifici per conformazione con beneficio clinico nei pazienti con tumori stromali gastrointestinali refrattari


Molti sottotipi di tumore, inclusi i tumori stromali gastrointestinali ( GIST ) con mutazione del gene KIT, sono guidati da mutazioni attivanti nel dominio tirosinchinasico e possono inizialmente rispondere agli inibitori delle chinasi ma spesso recidivano a causa della crescita di subcloni eterogenei con mutazioni di resistenza.
Gli inibitori di KIT comunemente usati per trattare i GIST ( Imatinib [ Glivec ] e Sunitinib [ Sutent ] ) sono inibitori dello stato inattivo ( tipo II ).

Si è valutato se la combinazione di un inibitore di KIT di tipo II con un inibitore di KIT complementare alla conformazione e allo stato attivo ( tipo I ) sia associata a un'ampia copertura delle mutazioni e al controllo globale della malattia.

Un inibitore di tipo I altamente selettivo di KIT, Bezuclastinib ( CGT-9486; PLX9486 ), è stato testato in uno studio di fase 1b/2a in 2 parti.
La parte 1 ( aumento della dose ) ha valutato la monoterapia con Bezuclastinib nei pazienti con tumori solidi.
La parte 2e ( estensione ) ha valutato la combinazione Bezuclastinib - Sunitinib nei pazienti con GIST.
I pazienti sono stati arruolati nel periodo 2015-2019.

I partecipanti hanno ricevuto 250, 350, 500 e 1.000 mg di Bezuclastinib da solo ( parte 1 ) o 500 e 1.000 mg di Bezuclastinib insieme a 25 o 37.5 mg di Sunitinib ( parte 2e ) continuamente in cicli di dosaggio di 28 giorni fino alla progressione della malattia, sospensione del trattamento o ritiro.

Sono state valutate la farmacocinetica, la sicurezza e le risposte del tumore. Gli endpoint di efficacia clinica ( sopravvivenza libera da progressione e tasso di beneficio clinico ) sono stati integrati con il monitoraggio longitudinale delle mutazioni KIT nel DNA tumorale circolante.

In totale 39 pazienti naive a Bezuclastinib ( età media, 57 anni; 22 uomini, 56.4%; 35, 89.7%, con GIST refrattario ) sono stati arruolati nelle parti di aumento della dose ed estensione.
La dose raccomandata per la fase 2 di Bezuclastinib era di 1.000 mg al giorno. A questa dose, Bezuclastinib può essere tranquillamente combinato con 25 o 37.5 mg al giorno di Sunitinib in modo continuo.

I pazienti con GIST che hanno ricevuto Bezuclastinib a una dose di 500 mg o meno, alla dose raccomandata di fase 2 e con Sunitinib hanno avuto una sopravvivenza libera da progressione mediana di 1.74, 5.75 e 12.1 mesi e tassi di beneficio clinico del 14%, 50%, e 80%, rispettivamente.

In questo studio clinico non-randomizzato di fase 1b/2a, gli inibitori di KIT di tipo I e II Bezuclastinib e Sunitinib sono stati co-somministrati in modo sicuro alla dose raccomandata di entrambi i singoli agenti nei pazienti con GIST refrattario.
I risultati hanno indicato che il co-targeting di due stati conformazionali complementari della stessa chinasi era associato a un beneficio clinico con un profilo di sicurezza accettabile. ( Xagena2021 )

Wagner AJ et al, JAMA Oncol 2021; 7: 1343-1350

Gastro2021 Onco2021 MalRar2021 Med2021 Farma2021



Indietro