Natera Banner
Gilead Banner
Bayer Banner
Tumore prostata

Carboplatino a dose singola seguito da radioterapia dei linfonodi interessati per seminoma in stadio IIA e stadio IIB: studio SAKK 01/10


Le opzioni terapeutiche standard per i pazienti con seminoma in stadio IIA o IIB comprendono la radioterapia para-aortica e pelvica o da tre a quattro cicli di chemioterapia combinata a base di Cisplatino.
Queste opzioni si traducono in tassi di sopravvivenza libera da progressione a 3 anni di almeno il 90%, ma comportano rischi di effetti tossici acuti e tardivi, comprese le neoplasie secondarie.

È stato testato un nuovo approccio che combina la chemioterapia ridotta con la radioterapia del linfonodo coinvolto ridotta, con l'obiettivo di ridurre la tossicità preservando l'efficacia.

Nello studio a braccio singolo, multicentrico, di fase 2 SAKK 01/10, i pazienti con seminoma classico in stadio IIA o IIB ( sia alla diagnosi primaria che alla recidiva durante la sorveglianza attiva per lo stadio I ) sono stati arruolati presso dieci Centri dello Swiss Group for Clinical Cancer Research e dieci Centri del German Testicular Cancer Study Group.

Per l'ammissibilità erano richiesti un performance status OMS 0-2, un'età pari o superiore a 18 anni e un'adeguata funzionalità del midollo osseo e dei reni.
Il trattamento comprendeva un ciclo di Carboplatino ( area sotto la curva 7 ) seguito da radioterapia dei linfonodi interessati ( 30 Gy in 15 frazioni per la malattia in stadio IIA e 36 Gy in 18 frazioni per la malattia in stadio IIB ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione a 3 anni. Le analisi di efficacia sono state effettuate sull'intero set di analisi, che comprendeva tutti i pazienti che hanno firmato il consenso informato, sono stati registrati nello studio, hanno iniziato il trattamento dello studio e hanno soddisfatto tutti i criteri di inclusione o esclusione rilevanti dal punto di vista medico.

La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti trattati almeno una volta con uno dei trattamenti sperimentali.

Tra il 2012 e il 2018, 120 pazienti sono stati registrati nello studio. 116 pazienti erano eleggibili e hanno iniziato il trattamento secondo il protocollo dello studio ( 46 pazienti con malattia in stadio IIA e 70 con malattia in stadio IIB ).

Dopo un follow-up mediano di 4.5 anni, la sopravvivenza libera da progressione a 3 anni è stata del 93.7%.
Con un obiettivo di sopravvivenza libera da progressione del 95% a 3 anni, l'endpoint primario non è stato raggiunto.

Eventi avversi acuti correlati al trattamento di qualsiasi grado sono stati osservati in 58 su 116 pazienti ( 48% ) ed eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o 4 si sono verificati sotto forma di neutropenia in 5 pazienti ( 4% ), trombocitopenia in 3 pazienti (3% ) e vomito in un paziente ( 1% ).

Non sono stati segnalati decessi correlati al trattamento e nessun evento avverso correlato al trattamento tardivo. Eventi avversi gravi sono stati riportati in 5 su 116 pazienti ( 4% ) ( un aumento transitorio della creatinina e 4 secondi tumori primari ).

Nonostante il fatto che l'endpoint primario non sia stato raggiunto, è stata osservata una sopravvivenza libera da progressione a 3 anni favorevole con area sotto la curva di Carboplatino a dose singola 7 e radioterapia del linfonodo interessato, con effetti tossici minimi.

I risultati potrebbero giustificare una discussione con i pazienti sul regime SAKK 01/10 come alternativa al trattamento standard di cura, ma sono necessarie ulteriori ricerche su questa strategia. ( Xagena2022 )

Papachristofilouet A et al, Lancet Oncology 2022; 23: 1441-1450

Uro2022 MalRar2022 Med2022 Onco2022 Farma2022



Indietro