OncoHub
Novartis
Roche Oncologia
Oncologia Morabito

Ciclofosfamide continua a basso dosaggio e Vinorelbina come chemioterapia di mantenimento nei pazienti con rabdomiosarcoma ad alto rischio: studio RMS 2005


Per più di tre decenni, il trattamento standard per il rabdomiosarcoma in Europa ha incluso 6 mesi di chemioterapia.
Lo European paediatric Soft tissue sarcoma Study Group ( EpSSG ) ha determinato se il trattamento prolungato con chemioterapia di mantenimento potesse migliorare la sopravvivenza nei pazienti con rabdomiosarcoma ad alto rischio.

RMS 2005 era uno studio multicentrico, in aperto, randomizzato, controllato, di fase 3, condotto in 102 ospedali in 14 Paesi.
Sono stati inclusi pazienti di età compresa tra 6 mesi e 21 anni con rabdomiosarcoma che erano considerati ad alto rischio di recidiva: quelli con rabdomiosarcoma embrionale non-metastatico non completamente resecato che si verificava in siti sfavorevoli con non-favorevole età ( maggiore o uguale a 10 anni ) o dimensione del tumore ( superiore a 5 cm ), o entrambi; quelli con qualsiasi rabdomiosarcoma non-metastatico con coinvolgimento linfonodale; e quelli con rabdomiosarcoma alveolare non-metastatico ma senza coinvolgimento linfonodale.

I pazienti in remissione dopo il trattamento standard ( 9 cicli di Ifosfamide, Vincristina, Dactinomicina con o senza Doxorubicina e chirurgia o radioterapia o entrambi ) sono stati assegnati in modo casuale a interrompere il trattamento o a continuare la chemioterapia di mantenimento ( 6 cicli di Vinorelbina per via endovenosa 25 mg/m2 nei giorni 1, 8 e 15 e Ciclofosfamide orale giornaliera 25 mg/m2, nei giorni 1-28 ).
La randomizzazione è stata stratificata in base al Paese e al sottogruppo di rischio.

L'esito primario era la sopravvivenza libera da malattia nella popolazione intention-to-treat. Gli esiti secondari erano la sopravvivenza e la tossicità complessive.

Tra il 2006 e il 2016, 371 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale ai due gruppi: 186 a interrompere il trattamento e 185 a ricevere la chemioterapia di mantenimento.
Il follow-up mediano è stato di 60.3 mesi.

Nella popolazione intention-to-treat, la sopravvivenza libera da malattia a 5 anni è stata del 77.6% con chemioterapia di mantenimento rispetto al 69.8% senza chemioterapia di mantenimento ( hazard ratio, HR=0.68; P=0.061 ) e la sopravvivenza globale a 5 anni è stata dell'86.5% con chemioterapia di mantenimento rispetto al 73.7% senza ( HR=0.52; P=0.0097 ).

La tossicità era gestibile nei pazienti che avevano ricevuto la chemioterapia di mantenimento: 136 su 181 pazienti ( 75% ) avevano leucopenia di grado 3-4, 148 ( 82% ) avevano neutropenia di grado 3-4, 19 ( 10% ) avevano anemia, 2 ( 1% ) avevano trombocitopenia e 56 ( 31% ) avevano una infezione.
Un paziente ( 1% ) ha presentato una tossicità non-ematologica di grado 4 ( neurotossicità ).

Si sono verificati due eventi avversi gravi correlati al trattamento: un caso di inappropriata secrezione dell'ormone antidiuretico e un disturbo della deambulazione con dolore agli arti, entrambi risolti.

L'aggiunta della chemioterapia di mantenimento sembra migliorare la sopravvivenza dei pazienti con rabdomiosarcoma ad alto rischio.
Questo approccio sarà il nuovo standard di cura per i pazienti con rabdomiosarcoma ad alto rischio nei futuri studi EpSSG. ( Xagena2019 )

Bisogno G et al, Lancet Oncology 2019; 20: 1566-1575

Onco2019 Med2019 Farma2019


Indietro