Oncologia Morabito
OncoHub
Novartis
Roche Oncologia

Efficacia e sicurezza di Regorafenib nei pazienti adulti con osteosarcoma metastatico


Regorafenib ( Stivarga ) ha dimostrato la sua efficacia nei pazienti con tumori stromali gastrointestinali ( GIST ) pretrattati e carcinoma epatocellulare e colorettale.
È stato progettato lo studio REGOBONE per valutare l'efficacia e la sicurezza di Regorafenib nei pazienti con osteosarcoma metastatico progressivo e altri sarcomi ossei. Questo studio comprendeva quattro coorti indipendenti parallele: osteosarcoma, sarcoma di Ewing, condrosarcoma e cordoma.

Sono stati riportati i risultati della coorte osteosarcoma.

In questo studio di fase 2 non-comparativo, in doppio cieco, controllato con placebo, pazienti di età pari o superiore a 10 anni con osteosarcoma confermato istologicamente la cui malattia era progredita dopo il trattamento con una o due linee di chemioterapia precedenti per malattia metastatica e un ECOG performance status pari a 0 o 1 sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Regorafenib per via orale ( 160 mg/die, per 21 giorni su 28 ) oppure un placebo corrispondente.

I pazienti di entrambi i gruppi hanno ricevuto le migliori cure di supporto. La randomizzazione è stata stratificata per età all'inclusione ( meno di 18 vs 18 anni e oltre ).
I pazienti nel gruppo placebo, dopo malattia progressiva confermata, potevano passare a Regorafenib.

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti senza progressione della malattia a 8 settimane. Le analisi sono state condotte per intention-to-treat modificata ( cioè, sono stati inclusi i pazienti senza alcuna violazione dei criteri di ingresso principali che hanno iniziato il trattamento con il farmaco in studio in cieco ).
Tutti i partecipanti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio sono stati inclusi nelle analisi di sicurezza.

Tra il 2014 e il 2017, sono stati arruolati 43 pazienti adulti provenienti da 13 Centri oncologici francesi.
Tutti i pazienti hanno ricevuto almeno una dose del trattamento assegnato e sono stati valutati per la sicurezza; 5 pazienti sono stati esclusi per violazioni del protocollo maggiori ( 2 nel gruppo placebo e 3 nel gruppo Regorafenib ), lasciando 38 pazienti valutabili per l'efficacia ( 12 nel gruppo placebo e 26 nel gruppo Regorafenib ).

17 pazienti su 26 ( 65% ) nel gruppo Regorafenib erano non-progressivi a 8 settimane rispetto a nessun paziente nel gruppo placebo.
10 pazienti nel gruppo placebo sono passati a ricevere Regorafenib in aperto dopo la progressione della malattia confermata.

Si sono verificati 13 eventi avversi gravi correlati al trattamento in 7 su 29 pazienti ( 24% ) nel gruppo Regorafenib rispetto a nessuno su 14 pazienti nel gruppo placebo.

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o superiore correlati al trattamento durante il periodo di trattamento in doppio cieco includevano ipertensione ( in 7 su 29 pazienti nel gruppo Regorafenib, 24%, vs nessuno nel gruppo placebo ), reazione cutanea mano-piede ( 3, 10%, vs nessuno ), affaticamento ( 3, 10%, vs 1, 3% ), ipofosfatemia ( 3, 10%, vs nessuno ) e dolore al petto ( 3, 10%, vs nessuno ).

Non si sono verificati decessi correlati al trattamento.

Regorafenib ha dimostrato attività antitumorale clinicamente significativa in pazienti adulti con osteosarcoma recidivante, progressivo, metastatico dopo fallimento della chemioterapia convenzionale, con un effetto positivo sul ritardo nella progressione della malattia.
Regorafenib deve essere ulteriormente valutato nel contesto della malattia avanzata e potenzialmente più precocemente nel decorso della malattia nei pazienti ad alto rischio di recidiva.
Regorafenib potrebbe avere un importante ruolo terapeutico come agente complementare alla chemioterapia citotossica standard tra gli strumenti terapeutici contro l'osteosarcoma. ( Xagena2019 )

Duffaud F et al, Lancet Oncology 2019; 20: 120-133

Onco2019 MalRar2019 Med2019 Farma201


Indietro