Janssen Oncology
OncoHub
Novartis
Oncologia Morabito

Efficacia e tollerabilità del trattamento con Imatinib adiuvante a 5 anni per i pazienti con tumore stromale gastrointestinale primario resecato a rischio intermedio o alto: studio PERSIST-5


Tre anni di terapia adiuvante con Imatinib mesilato ( Glivec ) sono associati a una ridotta percentuale di recidiva e a una migliore sopravvivenza globale nei pazienti con tumore stromale gastrointestinale ( GIST ) primario ad alto rischio, rispetto ai pazienti che ricevono 1 anno di trattamento.

Si è determinato se il trattamento adiuvante per GIST primario con Imatinib per 5 anni sia tollerabile ed efficace.

Lo studio clinico PERSIST-5 ( Postresection Evaluation of Recurrence-free Survival for Gastrointestinal Stromal Tumors With 5 Years of Adjuvant Imatinib ) comprendeva pazienti adulti con GIST primario ( con espressione di KIT ) in 21 Centri statunitensi sottoposti a resezione macroscopicamente completa e con rischio intermedio o alto di recidiva, definito come GIST primario in qualsiasi sito di 2 cm o più grande con 5 o più mitosi per 50 campi a grande potenza o GIST primario non-gastrico di 5 cm o più grande.

Imatinib è stato domministrato a 400 mg una volta al giorno, per via orale per 5 anni o fino all'interruzione della terapia a causa di progressione o intolleranza.

L'esito primario era la sopravvivenza libera da recidiva ( RFS ). L'endpoint secondario era la sopravvivenza globale.

Dei 91 pazienti arruolati, 48 ( 53% ) erano uomini con un'età media di 60 anni. La dimensione del tumore mediano era di 6.5 cm. La durata mediana del trattamento era di 55.1 mesi; 46 pazienti ( 51% ) hanno completato 5 anni di terapia con Imatinib.

La stima della sopravvivenza senza recidiva a 5 anni era del 90% e la sopravvivenza globale era del 95%.

La recidiva è stata osservata in 7 pazienti: in uno la malattia si è ripresentata durante il trattamento con Imatinib ( mutazione PDGFRA D842V ) ed il paziente è morto; in 6 la malattia si è ripresentata dopo l'interruzione della terapia con Imatinib.

2 ulteriori decessi non erano correlati al trattamento o alla progressione del tumore.

45 pazienti ( 49% ) hanno interrotto il trattamento precocemente a causa della scelta del paziente ( 10, 21% ), degli eventi avversi ( 15, 16% ) o di altro ( 11, 12% ).

Tutti e 91 i pazienti hanno manifestato almeno un evento avverso e 17 ( 19% ) hanno avuto eventi avversi di grado 3 o 4.

In questo primo studio adiuvante di pazienti con GIST primario resecato che hanno ricevuto 5 anni di terapia con Imatinib, nessun paziente con mutazioni sensibili a Imatinib ha manifestato malattia durante la terapia.
Per i pazienti nei quali la malattia si è ripresentata, la recidiva è stata entro 2 anni dalla sospensione della terapia con Imatinib.
Circa la metà dei pazienti ha interrotto il trattamento precocemente, più comunemente a causa della scelta del paziente, sottolineando così l'importanza di un attento monitoraggio clinico per continuare il trattamento con Imatinib per i pazienti a rischio appropriato. ( Xagena2018 )

Raut CP et al, JAMA Oncol 2018;4(12):e184060. doi:10.1001/jamaoncol.2018.4060

Onco2018 MalRar2018 Med2018 Gastro2018 Farma2018


Indietro