Oncologia Morabito
Novartis
Janssen Oncology
OncoHub

Il regime CAPTEM nei tumori neuroendocrini metastatici ben differenziati di grado da intermedio ad alto


La combinazione Capecitabina - Temozolomide ( CAPTEM ) ha un'attività significativa nei pazienti con tumori neuroendocrini ( NET ) pancreatici metastatici di basso grado.
Tuttavia, vi sono dati limitati sulla sua attività in pazienti con NET pancreatici e non-pancreatici metastatici ben differenziati di grado intermedio e alto.

Una revisione retrospettiva ha valutato la risposta all'imaging funzionale, la sopravvivenza e la tollerabilità di CAPTEM in questa popolazione.

La revisione retrospettiva ha coinvolto pazienti con NET metastatici ben differenziati di grado intermedio ( grado 2 ) o di alto grado ( grado 3 ) trattati presso il Peter MacCallum Cancer Centre a Victoria ( Australia ) tra il 2013 e il 2017.
I pazienti hanno ricevuto Capecitabina 750 mg/m2 per via orale due volte al giorno ( bid ) da giorno 1 al 14 e Temozolomide 100 mg/m2 bid dal giorno 10 al 14 ogni 28 giorni.

Sono stati raccolti dati riguardanti la risposta all’imaging funzionale, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale ( OS ) e le tossicità.

32 pazienti hanno ricevuto una media di 6 cicli di CAPTEM per tumore neuroendocrino di grado 2 ( n=21, 66% ) o grado 3 ( n=11, 34% ), Ki67 inferiore al 55% ( n=7, 21.9% ) o Ki67 maggiore o uguale al 55% ( n=4, 12.5% ).

L'origine dei tumori era gastroenteropancreatica ( n=17, 53% ), polmonare ( n=12, 37.5% ) e sconosciuta ( n=3, 9.4% ).

Il 22% ha ricevuto CAPTEM come terapia di prima linea.

Dopo una mediana di 31 mesi di follow-up, la sopravvivenza globale a due anni è stata pari al 42%, con una sopravvivenza mediana globale di 24 mesi.

C'è stata una tendenza verso una migliore sopravvivenza libera da progressione mediana nei pazienti con tumori neuroendocrini di basso grado 3 ( Ki67 inferiore al 55% ) rispetto a quelli con NET di alto grado 3 ( Ki67 maggiore o uguale al 55% ) ( 15 vs 4 mesi, P=0.11 ).

10 pazienti ( 31.3% ) hanno manifestato tossicità di grado 3/4, con nausea ( 15.6% ), trombocitopenia ( 12.5% ) e affaticamento ( 9.4% ) come più comuni tossicità riportate.

In conclusione, il regime CAPTEM ha un'attività significativa nei pazienti con tumori neuroendocrini di grado 2 e 3 metastatici con tossicità gestibile.
Il beneficio della sopravvivenza libera da progressione osservato nel sottogruppo di grado 3 con Ki67 inferiore al 55% merita ulteriore valutazione in uno studio randomizzato di più ampie dimensioni. ( Xagena2019 )

Sahu A et al, J Oncol 2019 : 9032753. doi: 10.1155/2019/9032753. eCollection 2019.

Onco2019 Gastro2019 Farma2019 MalRar2019 Med2019


Indietro