Oncologia Morabito
Novartis
Roche Oncologia
OncoHub

Larotrectinib nei pazienti con tumori solidi positivi alla fusione TRK


L'inibitore selettivo di TRK Larotrectinib ( Vitrakvi ) è stato approvato per i pazienti pediatrici e adulti con tumori solidi positivi alla fusione TRK avanzati sulla base di un set di analisi primaria di 55 pazienti.
Sono state esaminate l'efficacia e la sicurezza a lungo termine di Larotrectinib in una popolazione più ampia di pazienti con tumori solidi positivi alla fusione TRK.

I pazienti sono stati arruolati e trattati in uno studio di fase 1 per adulti, di fase 1/2 pediatrico o fase 2 per adolescenti e adulti.
Alcuni criteri di ammissibilità differivano tra questi studi. Per questa analisi congiunta, i pazienti eleggibili erano di età pari o superiore a 1 mese, con un tumore solido positivo alla fusione TRK non-sistema nervoso centrale ( no-CNS ) primario localmente avanzato o metastatico, che aveva precedentemente ricevuto terapia standard se disponibile.

Questo set di analisi ha incluso i 55 pazienti su cui si è basata l'approvazione di Larotrectinib.
Larotrectinib è stato somministrato per via orale in capsula o formulazione liquida, in un programma continuo di 28 giorni, agli adulti principalmente alla dose di 100 mg due volte al giorno e ai pazienti pediatrici principalmente alla dose di 100 mg/m2 ( massimo 100 mg ) due volte al giorno.

L'endpoint primario era la risposta obiettiva valutata dai ricercatori in un'analisi intention-to-treat.

Tra il 2014 e il 2019, 159 pazienti con tumore positivo alla fusione TRK sono stati arruolati e trattati con Larotrectinib.
Le età variavano da meno di 1 mese a 84 anni.
La percentuale di pazienti con una risposta obiettiva secondo la valutazione dello sperimentatore è stata di 121 pazienti su 153 valutabili ( 79% ), con 24 pazienti ( 16% ) con risposte complete.

In una popolazione di sicurezza di 260 pazienti trattati indipendentemente dallo stato di fusione di TRK, gli eventi avversi più comuni correlati a Larotrectinib di grado 3 o 4 sono stati un aumento dell'alanina aminotransferasi ( 8 su 260 pazienti, 3% ), anemia ( 6, 2% ) e diminuzione della conta dei neutrofili ( 5, 2% ).

Gli eventi avversi gravi più comuni correlati a Larotrectinib sono stati un aumento dell'alanina aminotransferasi ( 2 su 260 pazienti, inferiore a 1% ), aumento dell'aspartato aminotransferasi ( 2, inferiore a 1% ) e nausea ( 2, inferiore a 1% ).
Non si sono verificati decessi correlati al trattamento.

Questi dati hanno confermato che le fusioni di TRK definiscono un sottogruppo molecolare unico di tumori solidi avanzati per i quali Larotrectinib è altamente attivo.
I dati sulla sicurezza hanno indicato che è possibile la somministrazione a lungo termine di Larotrectinib. ( Xagena2020 )

Hong DS et al, Lancet Oncology 2020; 21: 531-540

MalRar2020 Med2020 Onco2020 Farma2020


Indietro