Natera Banner
Bayer Banner
Gilead Banner
Tumore prostata

Pembrolizumab nei pazienti con sarcomi rari e ultra-rari: studio AcSé Pembrolizumab


Il sarcoma è un gruppo eterogeneo di malattie con poche opzioni terapeutiche. L’immunoterapia ha mostrato poca attività negli studi che includevano sarcomi non-selezionati, ma i bloccanti dei checkpoint immunitari hanno mostrato attività in istotipi specifici.

È stata valutata l'attività di Pembrolizumab ( Keytruda ) nei sarcomi rari e ultra-rari.

AcSé Pembrolizumab è uno studio multitumorale di fase 2 in corso che indaga l’attività della monoterapia con Pembrolizumab nei tumori rari.
Sono stati riportati i risultati ottenuti in pazienti con istotipi selezionati di sarcomi rari ( incidenza inferiore a un caso per 1.000.000 di persone all'anno ) reclutati in 24 ospedali francesi.

I criteri chiave di inclusione erano età pari o superiore a 15 anni, performance status ECOG pari a 0-1 e malattia avanzata non-trattata e resistente al trattamento.
Ai pazienti è stato somministrato Pembrolizumab 200 mg per via endovenosa il giorno 1 di ogni ciclo di 21 giorni per un massimo di 24 mesi.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) alla settimana 12 utilizzando i criteri RECIST versione 1.1, valutato da ricercatori locali.
L’endpoint primario e la sicurezza sono stati analizzati nella popolazione intention-to-treat ( ITT ).

Tra il 2017 e il 2020, sono stati arruolati 98 pazienti, di cui 97 hanno ricevuto il trattamento e sono stati inclusi nelle analisi ( età mediana 51 anni; 53 erano maschi, 55%; 44 erano donne, 45%; non sono stati raccolti dati sull'etnia ).

In tutto 34 pazienti ( 35% ) avevano cordomi, 14 ( 14% ) avevano sarcomi alveolari delle parti molli, 12 ( 12% ) avevano sarcomi con deficit di SMARCA4 o tumori rabdoidi maligni, 8 ( 8% ) avevano tumori desmoplastici a piccole cellule rotonde, 6 ( 6% ) avevano sarcomi epitelioidi, 4 ( 4% ) avevano sarcomi a cellule dendritiche, 3 ciascuno ( 3% ) avevano sarcomi a cellule chiare, tumori fibrosi solitari e liposarcomi mixoidi e 10 ( 10% ) avevano altri istotipi ultra-rari.

Al momento del cut-off dei dati ad aprile 2022, il follow-up mediano era di 13.1 mesi.

Alla settimana 12, il tasso di risposta obiettiva è stato pari al 6.2%, senza risposte complete e con 6 risposte parziali nei 97 pazienti.

Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni sono stati: anemia ( 8 su 97, 8% ), aumento dell'alanina aminotransferasi e dell'aspartato aminotransferasi ( 6, 6% ) e dispnea ( 5, 5% ).
Sono stati segnalati 86 eventi avversi gravi in ​​37 pazienti.

Sono stati segnalati 5 decessi dovuti a eventi avversi, nessuno dei quali è stato ritenuto correlato al trattamento ( 2 dovuti alla progressione della malattia, 2 dovuti al tumore e 1 dovuto a causa sconosciuta ).

I dati hanno mostrato l’attività e la tossicità gestibile di Pembrolizumab in alcuni istotipi di sarcoma rari e ultra-rari, e supportano la via PD-1/PD-L1 come potenziale bersaglio terapeutico in istotipi selezionati.
Il completamento dello studio basket fornirà ulteriori prove sull’attività e sulla tossicità di Pembrolizumab nei rari tipi di cancro identificati. ( Xagena2023 )

Blay JY et al, Lancet Oncology 2023; 24: 892-902

Onco2023 Med2023 MalRar2023 Farma2023



Indietro