Natera Banner
Gilead Banner
Bayer Banner
Tumore prostata

Ripretinib versus Sunitinib nei pazienti con tumore stromale gastrointestinale avanzato dopo il trattamento con Imatinib: studio INTRIGUE


Sunitinib ( Sutent ), un inibitore multitarget della tirosin-chinasi ( TKI ), è approvato per il tumore stromale gastrointestinale ( GIST ) avanzato dopo il fallimento di Imatinib.
Ripretinib ( Qinlock ) è un inibitore TKI switch-control approvato per tumore stromale gastrointestinale in fase avanzata dopo un precedente trattamento con tre o più inibitori TKI, incluso Imatinib.

Sono state confrontate l'efficacia e la sicurezza di Ripretinib rispetto a Sunitinib in pazienti con tumore stromale gastrointestinale avanzato che erano stati precedentemente trattati con Imatinib nello studio INTRIGUE.

L'assegnazione casuale a Ripretinib 150 mg una volta al giorno oppure a Sunitinib 50 mg una volta al giorno ( 4 settimane sì / 2 settimane no ) è stata stratificata per mutazione KIT/PDGF-alfa e intolleranza a Imatinib.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediante revisione radiologica indipendente utilizzando i criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi modificati versione 1.1.
Gli endpoint secondari includevano il tasso di risposta obiettiva mediante revisione radiologica indipendente, sicurezza e misure di esito riferite dal paziente.

Complessivamente, 453 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Ripretinib ( intention-to-treat [ ITT ], n=226; KIT esone 11 [ ITT ], n=163 ) o Sunitinib ( ITT, n=227; KIT esone 11 [ ITT ], n=164 ).

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana per Ripretinib e Sunitinib ( KIT esone 11 [ ITT ] ) è stata rispettivamente di 8.3 e 7.0 mesi ( hazard ratio, HR=0.88; P=0.36 ); la PFS mediana [ ITT ] è stata rispettivamente di 8.0 e 8.3 mesi ( HR=1.05; P nominale=0.72 ).
Nessuno dei due valori è risultato statisticamente significativo.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è stato più elevato per Ripretinib rispetto a Sunitinib nella popolazione KIT esone 11 [ ITT ] ( 23.9% vs 14.6%, P nominale=0.03 ).

Ripretinib è stato associato a un profilo di sicurezza più favorevole, a un minore numero di eventi avversi di grado 3/4 emergenti dal trattamento ( 41.3% vs 65.6%, P nominale minore di 0.0001 ) e a punteggi migliori nelle misure di tollerabilità riportate dai pazienti.

Dallo studio è emerso che Ripretinib non è superiore a Sunitinib in termini di sopravvivenza libera da progressione.
Tuttavia, con Ripretinib sono stati osservati un'attività clinica significativa, un minor numero di eventi avversi di grado 3/4 associati al trattamento e una migliore tollerabilità. ( Xagena2022 )

Bauer S et al, J Clin Oncol 2022; 40: 3918-3928

Gastro2022 Onco2022 MalRar2022 Med2022 Farma2022



Indietro