Janssen Oncology
OncoHub
Oncologia Morabito
Novartis

Sequenze terapeutiche nei pazienti con tumori neuroendocrini di grado 1-2


Molti differenti trattamenti sono indicati dalle lineeguida per il trattamento dei tumori neuroendocrini ( NET ) di grado 1-2 ( G1-G2 ).
Tuttavia, non è stato ancora stabilito un preciso algoritmo terapeutico.

Uno studio ha identificato e confrontato le principali sequenze terapeutiche nei tumori neuroendocrini G1-G2.

Uno studio multicentrico italiano osservazionale retrospettivo è stato progettato per raccogliere dati sulle sequenze terapeutiche nei tumori neuroendocrini.
La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana è stata confrontata tra sequenze terapeutiche, così come il numero e il grado di effetti collaterali e il tasso di riduzione della dose / interruzione del trattamento.

Tra i 1.182 pazienti con neoplasia neuroendocrina inclusi nel database ELIOS, sono stati inclusi 131 tumori neuroendocrini G1-G2 primari gastroenteropancreatici, polmonari e sconosciuti, non-resecabili o persistenti / recidivanti dopo l'intervento chirurgico, trattati con due o più trattamenti sistemici.

Sono state identificate 4 sequenze terapeutiche principali in 99 pazienti: (A) da analoghi della Somatostatina ( SSA ) a dosi standard a dosi elevate ( n=36 ); (B) da analoghi della Somatostatina a Everolimus ( n=31 ); (C) da analoghi della Somatostatina a chemioterapia ( n=17 ); (D) da analoghi della Somatostatina alla terapia recettoriale con peptidi radiomarcati ( PRRT ) ( n=15 ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione del trattamento di seconda linea non è stata raggiunta nella sequenza A, è stata di 33 mesi nella sequenza B, 20 mesi nella sequenza C, 30 mesi nella sequenza D ( P=0.16 ).

Sia il numero totale sia la gravità degli effetti collaterali sono stati significativamente più alti nelle sequenze B e C rispetto alle sequenze A e D ( P=0.04 ), così come il tasso di riduzione / interruzione della dose ( P=0.03 ).

In conclusione, gli analoghi della Somatostatina a dosaggio standard seguiti da alti dosaggi, Everolimus, chemioterapia o terapia PRRT rappresentano le principali sequenze terapeutiche nei tumori neuroendocrini G1-G2.
La sopravvivenza mediana senza progressione non è risultata significativamente diversa tra le sequenze.
Tuttavia, le sequenze con alte dosi di analoghi della Somatostatina o terapia PRRT sembrano essere meglio tollerate rispetto alle sequenze con Everolimus o chemioterapia. ( Xagena2019 )

Faggiano A et al, Endocrine 2019. doi: 10.1007/s12020-019-01894-0.

Onco2019 Farma2019 MalRar2019 Med2019


Indietro