Roche Oncologia
Oncologia Morabito
OncoHub
Novartis

Surufatinib nei tumori neuroendocrini pancreatici avanzati: studio SANET-p


Surufatinib ha mostrato un'efficacia superiore nei tumori neuroendocrini ( NET ) extrapancreatici nello studio di fase 3 SANET-ep.
In SANET-p, sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Surufatinib in pazienti con NET pancreatici avanzati.

SANET-p era uno studio di fase 3 multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, condotto in 21 ospedali in tutta la Cina.
I pazienti idonei erano adulti di età pari o superiore a 18 anni con tumori NET pancreatici progressivi, avanzati e ben differenziati, ECOG performance status di 0 o 1 e progressione durante il trattamento con fino a due tipi di precedenti regimi sistemici per la malattia avanzata.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 300 mg di Surufatinib oppure placebo, assunti per via orale una volta al giorno in cicli di trattamento consecutivi di 4 settimane fino a progressione della malattia, tossicità intollerabile, ritiro del consenso, scarsa compliance, uso di altri farmaci antitumorali, gravidanza, perdita al follow-up, o interruzione del trattamento se ritenuta nel migliore interesse del paziente dallo sperimentatore.

La randomizzazione è stata eseguita stratificando per grado patologico, precedente trattamento antitumorale sistemico e punteggio dell’ECOG performance status.
I pazienti e i ricercatori non conoscevano l'assegnazione del trattamento.
Il crossover a Surufatinib è stato consentito per i pazienti nel gruppo placebo con progressione della malattia.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione valutata dallo sperimentatore nella popolazione intent-to-treat ( ITT ), che includeva tutti i pazienti randomizzati.
È stata eseguita un'analisi ad interim pre-pianificata al 70% degli eventi di sopravvivenza libera da progressione previsti.

Tra il 2016 e il 2019, su 264 pazienti sottoposti a screening, 172 ( 65% ) sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Surufatinib ( n=113 ) oppure placebo ( n=59 ).
Il follow-up mediano è stato di 19.3 mesi nel gruppo Surufatinib e di 11.1 mesi nel gruppo placebo.

La sopravvivenza libera da progressione valutata dallo sperimentatore mediana è stata di 10.9 mesi per Surufatinib contro 3.7 mesi per il placebo ( hazard ratio, HR=0.49; P=0.0011 ).

Lo studio ha soddisfatto i criteri di interruzione anticipata durante l'analisi ad interim, ed è stato interrotto su raccomandazione del Comitato indipendente di monitoraggio dei dati.

Gli eventi avversi di grado 3 o peggiore correlati al trattamento più comuni sono stati ipertensione ( 43 su 113 con Surufatinib, 38%, vs 4 su 59 con placebo, 7% ), proteinuria ( 11, 10%, vs 1, 2% ) e ipertrigliceridemia ( 8, 7%, vs nessuno ).
Eventi avversi gravi correlati al trattamento sono stati segnalati in 25 pazienti ( 22% ) nel gruppo Surufatinib e in 4 pazienti ( 7% ) nel gruppo placebo.

Ci sono stati 3 decessi durante il trattamento nel gruppo Surufatinib, inclusi 2 decessi dovuti a eventi avversi ( emorragia gastrointestinale probabilmente correlata al trattamento ed emorragia cerebrale improbabilmente correlata al trattamento ) e un decesso attribuito alla progressione della malattia.
Un decesso durante il trattamento nel gruppo placebo è stato attribuito alla progressione della malattia.

Surufatinib ha migliorato in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione e ha un profilo di sicurezza accettabile nei pazienti con tumori neuroendocrini pancreatici avanzati e progressivi e potrebbe rappresentare una potenziale opzione di trattamento in questa popolazione di pazienti. ( Xagena2020 )

Xu J et al, Lancet Oncology 2020; 21: 1489-1499

MalRar2020 Med2020 Gastro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro